Borgo S. Lorenzo, 09/10/2019

Permessi retribuiti per diritto allo studio.

Si ricorda che il termine per la presentazione delle domande per la concessione dei permessi retribuiti per il diritto allo studio è fissato al 10 novembre p.v.

            Gli interessati sono invitati a compilare le richieste con la massima precisione, attenendosi a quanto dettato dal Contratto Integrativo Regionale del 28/05/2019 reperibile al seguente link: https://www.miur.gov.it/web/miur-usr-toscana/-/permessi-retribuiti-per-il-diritto-allo-studio-anno-solare-2020 utilizzando, esclusivamente, il modulo allegato alla presente che deve essere compilato in ogni sua parte, debitamente sottoscritto e al quale deve essere allegata la fotocopia del documento di identità.

 

Si precisano le tipologie dei corsi che possono dare diritto alla fruizione dei permessi:

 

  1. a) corsi finalizzati al conseguimento di titoli di studio universitari, post universitari (es. master, corsi di perfezionamento, corsi di specializzazione, alta formazione, dottorato di ricerca), sempreché tutti di durata almeno annuale e con esame finale;
  2. b) corsi finalizzati al conseguimento di titoli di studio di istruzione secondaria e corsi di qualificazione professionale presso scuole statali o paritarie o nell’ambito dei corsi di istruzione e formazione professionale organizzati dalla regione;
  3. c) corsi, presso facoltà ecclesiastiche ed istituti di scienze religiose abilitati dalla C.E.I., finalizzati al conseguimento della qualificazione professionale per l’insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche;
  4. d) corsi finalizzati al conseguimento di titoli di specializzazione riconosciuti dall’ordinamento pubblico (ad esempio corsi T.S.);
  5. e) corsi finalizzati al conseguimento del titolo di sostegno, di riconversione professionale, o comunque al conseguimento di titoli resi obbligatori dalla normativa vigente, ivi inclusi quelli necessari all’adeguamento dei titoli di studio per l’accesso alle procedure concorsuali;
  6. f) corsi a distanza organizzati da Università Telematiche statali o legalmente riconosciute finalizzati al conseguimento di un diploma di laurea o post – laurea; la fruizione del beneficio è subordinata all’attestazione della partecipazione alle lezioni mediante la certificazione dell’avvenuto collegamento all’università telematica durante l’orario di lavoro. In particolare, deve essere certificata la fascia oraria, coincidente con quella di lavoro, in cui il dipendente potrà seguire le lezioni;
  7. g) corsi riconosciuti dal Miur finalizzati al conseguimento di titoli di laurea o post – laurea rilasciati da università straniere riconosciute dall’ordinamento italiano, purché di durata almeno annuale e con esame

Coloro che alla data del 10 novembre 2019 non abbiano ancora concluso le prove selettive per l’ammissione ad uno dei corsi di cui all’art.2 del contratto integrativo regionale dovranno, qualora intendano beneficiare dei permessi per il diritto allo studio, produrre egualmente domanda entro il 10 novembre, dichiarando anche il corso a cui intendono iscriversi, la data e la sede di effettuazione della prova selettiva, nonché l’Ente di gestione. Si ricorda che il personale eventualmente assunto con contratto a tempo indeterminato o determinato successivamente alla data del 10 novembre, in possesso dei requisiti, potrà produrre la relativa istanza entro il termine di 5 giorni dalla stipula del contratto. Tale personale è collocato in coda alla graduatoria degli aventi diritto ai permessi in questione e, in ogni caso, il beneficio sarà attribuito solamente in presenza di residua disponibilità del contingente.

 

LA DIRIGENTE SCOLASTICA

         Marta Paoli